Logo (desktop)

logo av sito h80

SOCIAL (desktop)

Cerca

ADV testata (desktop)

Slide background
Slide background

PASTIGLIE DEI FRENI A BASE DI CEMENTO. IL PROGETTO COBRA PROCEDE

L’ipotesi che in futuro le automobili saranno dotate di pastiglie freno in cemento si fa sempre più concreta. Stiamo parlando di Cobra, l’innovativo progetto di sviluppo preindustriale co-finanziato dalla Commissione europea, tramite il programma Life.

Cobra, acronimo di Cementitious Brake Control (www.cobralifeproject.eu), ha come capofila Brembo, chiamata a coordinare un partenariato che vede come protagonisti, assieme alla stessa Brembo, l’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, il Centro tecnico del gruppo di Italcementi (nella foto, la sede di i.lab) e la società CiaoTech del gruppo Pno.

Iniziato a luglio 2014, il progetto ha come obiettivo finale lo sviluppo e la validazione - entro il 2018 - di una nuova tecnologia di produzione delle pastiglie freno basata sull’impiego di un’innovativa mescola, che utilizza materiali cementizi in sostituzione delle resine fenoliche. Grazie all’impiego di un legante idraulico, il nuovo processo produttivo a freddo garantirà una significativa riduzione del consumo d’acqua e di energia. Contribuirà inoltre alla riduzione del particolato emesso durante la fase di frenata.

“Ad oggi possiamo ritenerci soddisfatti - afferma Andrea Gavazzi, capo dell’area Friction di Brembo - Siamo riusciti a creare una pastiglia che utilizza come legante acqua e cemento. Abbiamo verificato che è in grado di svolgere la sua funzione primaria: frenare. Tuttavia, c’è ancora grande lavoro da fare. Innanzitutto, sviluppare un impianto che riesca a produrre le pastiglie in scala pre-industriale, nell’ottica di rendere a tutti gli effetti operativo il processo industriale dopo il 2018. In secondo luogo, valutare l’impatto ambientale del nuovo processo, che dovrebbe garantire da un lato una significativa riduzione dell’energia e dell’acqua impiegate, dall’altro il minor rilascio di particolato nell’aria rispetto al processo tradizionale. Potremo affermare di avere avuto la giusta intuizione se riusciremo a produrre e commercializzare una pastiglia che garantisca lo stesso livello di prezzo e di performance delle tradizionali, a fronte di conclamati benefici ambientali. Non da ultimo le pastiglie Cobra dovranno garantire lo stesso livello di comfort in frenata”.

“Il materiale per le pastiglie frenanti è stato studiato in tutti i suoi aspetti da un team di ricercatori multidisciplinari presso i.lab, il centro Ricerca e innovazione di Italcementi - afferma Luca Bottalico, ricercatore Italcementi -. Abbiamo sfruttato una delle caratteristiche del cemento, la resistenza al fuoco, per realizzare un prodotto finale in grado di resistere alle sollecitazioni termiche e a quelle legate all’attrito tipiche di un sistema frenante. Sono state eseguite numerose prove di laboratorio che hanno portato allo sviluppo di varie tipologie di leganti. Le formulazioni migliori sono state combinate con la parte meccanica del freno per realizzare i primi prototipi di pastiglie, valutandone le prestazioni sia in laboratorio, sia su strada. Inoltre, il cemento utilizzato rappresenta un caso virtuoso di economia circolare, in quanto contiene, fra l’altro, una percentuale di materiali recuperati dal ciclo di produzione dell’acciaio, che sono stati valorizzati per il ciclo di produzione del cemento, risparmiando in questo modo risorse naturali non rinnovabili”.


Mostra commenti

Contatta la Redazione

Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information