Logo (desktop)

logo av sito h80

SOCIAL (desktop)

Cerca

ADV testata (desktop)

Slide background
Slide background

Ci sono scuole da ricostruire

Numerose scuole sono state colpite dal sisma: ora devono essere ricostruite.

Lo scorso 22 maggio Invitalia, Centrale unica di committenza per la ricostruzione dell’edilizia scolastica post sisma, ha pubblicato l’elenco degli operatori economici ammessi alle procedure di gara per la realizzazione di nuove scuole nelle aree colpite dal terremoto. La ricostruzione delle scuole è stata approvata con l’Ordinanza Ministeriale n. 14 del 16 gennaio 2017 e indica in modo preciso i vincoli per le opere da realizzare. L’articolo 5 dice che i costi devono essere rapportati alla qualità dell’edificio, cioè il rapporto/qualità prezzo deve essere il più vantaggioso; l’articolo 6 concede 100 giorni solari per realizzare l’opera e indica che la costruzione deve essere realizzata con “tecnologia a secco” (casseri a rimanere).

In tutto sono circa 1500 le imprese edili elencate nella lista e sono in corso di sorteggio quelle che parteciperanno alla gara di appalto per questo importante intervento. La ricostruzione postsisma rappresenta una importante opportunità da cogliere per le aziende che propongono i Sistemi ad Armatura Diffusa. Per questo motivo AIPE - Associazione Italiana Polistirene Espanso, per conto del Gruppo SAAD, ha scelto di rivolgersi direttamente ad esse, inviando alle imprese principali una documentazione informativa riguardo alle opportunità di utilizzo del sistema costruttivo SAAD, Sistemi Ad Armatura Diffusa.

Nella lettera di accompagnamento della documentazione si sottolinea come tali sistemi soddisfino pienamente i tre requisiti imposti dall’Ordinanza. Infatti il Sistema SAAD permette di realizzare edifici sicuri alla classe più elevata di sisma e contemporaneamente con il maggior isolamento termico, grazie alla presenza di EPS, dimostrando un vantaggioso rapporto qualità/prezzo; è possibile il rispetto dei tempi di realizzazione delle opere; è previsto l’utilizzo di una tecnologia a secco, mediante impiego di casseri a perdere in EPS, che prevedono solo a fine montaggio il getto di calcestruzzo. Anche le finiture possono essere realizzate a secco, a completamento dell’opera.


Mostra commenti

Contatta la Redazione

Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information