Logo (desktop)

logo av sito h80

SOCIAL (desktop)

Cerca

ADV testata (desktop)

Slide background
Slide background

PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO E RICICLO DEI RAEE: LA DISTRUZIONE DEI DATI

Secondo l’Università della Nazioni Unite (UNU), la produzione di rifiuti elettronici ha raggiunto nel 2014 il livello di 41,8 milioni di tonnellate, contro i 39,8 milioni nel 2013.

E la prospettiva è di circa 50 milioni di tonnellate per il 2018. UNU evidenzia anche che meno di un sesto di tali rifiuti è stato correttamente riciclato, infatti, più del 90% dei RAEE sono posti a discarica oppure inceneriti o recuperati senza trattamento preliminare, con la conseguenza che molti materiali pericolosi, di cui sono costituiti, finiscono nelle filiere di recupero o smaltimento.

La situazione diventa ancora più allarmante se si considerano i traffici illegali di RAEE, cioè le quantità di rifiuti che vengono nascosti alle periferie delle città, nei boschi o seppelliti nei terreni agricoli, oltre che quelli che non vengono intercettati dai sistemi di raccolta attualmente operanti e spesso finiscono nei paesi in via di sviluppo. Tuttavia, i RAEE non costituiscono solo un problema, infatti contengono preziose risorse come ferro, rame o oro, che se non recuperati determinano uno spreco valutato dall’UNU in 48 miliardi di euro nel 2014. Di conseguenza, risulta prioritario attivare delle strategie di minimizzazione dell’impatto ambientale che mirino ad estendere il ciclo di vita dei prodotti e ad aumentare il riutilizzo di materia.

In questo contesto, si collocano i processi di lavorazione della Cooperativa Re Tech Life, fondati su una corretta gestione dei prodotti elettrici ed elettronici a fine vita, in grado, non solo di attivare operazioni di reimpiego e riciclo consapevoli ed ecocompatibili, ma anche di ridurre i rifiuti estendendo il ciclo di vita dei prodotti.

Ma dove finiscono tutti i dati presenti sui PC e cellulari una volta che li buttiamo?

Sia il riutilizzo che il riciclo devono essere preceduti da un’importante operazione: la distruzione dei dati in sicurezza. La procedura di cancellazione dei dati su supporti informatici (Personal Computer, tablet, smartphone,) adottata da Re Tech Life avviene secondo le disposizioni in materia di privacy introdotte dal Decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e le ultime modifiche di legge introdotte dal decreto legge n.7 del 18 febbraio 2015. L’impianto di distruzione dati di Re Tech Life è in grado di garantire tutti gli adempimenti normativi e di sicurezza. Attraverso l’utilizzo di software garantiti a livello internazionale ed approvati, fra gli altri, dall'“United States Department of Defense (DoD)” e da “Communications-Electronic Security Group (CESG)”, viene reso irrecuperabile qualsiasi dato contenuto su supporti informatici, completando l’attività con il rilascio di un certificato di avvenuta distruzione contenente i dati dell’apparecchiatura e dell’Hard Disk, nonché il tipo di algoritmo usato. I certificati generati automaticamente dal software di cancellazione vengono messi a disposizione del cliente, mediante un accesso riservato ad un database online.

I continui investimenti su questa attività hanno portato Re Tech Life alla possibilità di differenziare l’offerta di servizio sulla base delle necessità del cliente: scelta del software di distruzione dati (Blancco ed altri), possibilità di cancellazione direttamente presso la sede del cliente, distruzione dati di dispositivi mobili (smartphone e tablet). Una menzione importante riguarda la nuova tecnologia di cancellazione elaborata dai tecnici esperti della cooperativa, che ha consentito un risparmio energetico del 25,9%, con conseguente riduzione dell’impronta ecologica della lavorazione. Nel periodo 2014-2015 sono stati distrutti dalla cooperativa oltre tre mila Terabyte di supporti informatici.


Mostra commenti

Contatta la Redazione

Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information