Riciclo dei rifiuti in Europa: Austria e Germania in testa, Italia nella media

I paesi dell'Unione europea hanno riciclato o compostato in media il 46% dei loro rifiuti.

Secondo il servizio statistico della Ue, Eurostat, il 29% della spazzatura viene riciclato e il 17% compostato (trasformato in concime).

I dati Eurostat sul riciclo mostrano come non vi sia in Europa una tendenza comune, ma ogni paese vada per la propria strada. Si passa dal 63% dei rifiuti riciclati in Austria al 19% del Portogallo. In generale si nota un minore interesse al riciclo dei rifiuti mano a mano che si va verso la periferia dell’Europa, mentre nel nucleo centrale composto dai Paesi di lingua tedesca e dal Benelux vi è il maggiore impegno, confermato anche dal grande utilizzo di fonti di energia rinnovabile.

Con il 36% di riciclo l’Italia si pone molto vicino alla media europea, anche se ancora leggermente sotto. L’Austria è sul podio del continente, seguita dalla Germania (62%). Con quote superiori al 50% del riciclo troviamo Belgio, Paesi Basi e Svizzera, mentre i Paesi scandinavi, solitamente tra i più attenti all’ambiente, riciclano meno del 50%: Svezia 49%, Danimarca e Norvegia 42%, mentre la Finlandia ricicla solo il 33%, meno dell’Italia che non batte solo la Finlandia ma anche Francia e Spagna.