Logo (desktop)

logo av sito h80

SOCIAL (desktop)

Cerca

ADV testata (desktop)

IL MERCATO ITTICO DI SAN BENEDETTO VOTA A FAVORE DELL’UTILIZZO DI CASSETTE IN EPS

In una seduta della Commissione Mercato Ittico di San Benedetto del Tronto (AP) è stato approvato il passaggio dalla plastica rigida al polistirene espanso per le cassette di pesce.

Tutta la Commissione del Mercato è stata coinvolta in questa decisione. Su questo argomento AIPE ha interpellato Mario Ballatore, Consigliere comunale delegato al mercato ittico e alle aree portuali del Comune di San Benedetto del Tronto, che ha così commentato questa decisione: «La proposta è stata avanzata dalla marineria locale e dai commercianti grossisti, interessati ad uniformare gli imballaggi alle esigenze dei propri clienti e mercati. L'Amministrazione ha fatto propria la proposta anche per la difficoltà nella gestione delle casse in plastica e per la scarsa disponibilità dei quantitativi necessari giornalmente alle imbarcazioni (i tempi di riconsegna del cassettame sono sempre più lunghi rispetto alle richieste). Già ora oltre il 60% degli imballaggi che passano all'asta sono in EPS, a carico dei produttori. Inoltre il risparmio economico per l'Ente gestore deriverà dal non dover più acquistare le cassette in plastica, ora interamente a carico. C'è inoltre la volontà da parte dell'Amministrazione, dei commercianti e degli armatori, di apporre il marchio identificativo della città di San Benedetto del Tronto sulle cassette in polistirene, al fine di promuovere e pubblicizzare il pescato locale».

I numeri del mercato ittico di San Benedetto non sono trascurabili. Lo scorso anno sono state commercializzate 1023 tonnellate di prodotti ittici, che corrispondono a oltre 200.000 transazioni, e altrettanti imballi. Sono 81 le imbarcazioni accreditate alla vendita al Mercato, alcune delle quali sono piccole e medie imbarcazioni che non conferiscono giornalmente, e 175 gli acquirenti accreditati. «I dati relativi alle cassette – ha precisato Ballatore - sono riferiti esclusivamente a quelle che transitano attraverso il Mercato ittico, non siamo a conoscenza delle quantità commercializzate direttamente dagli armatori». L'onere dell'acquisto delle cassette in EPS verrà suddiviso tra produttori e commercianti, che definiranno il modello e le caratteristiche dell'imballo.

L'acquisto verrà effettuato dai produttori, il Comune gestore provvederà ad addebitare a ciascun commerciante la propria quota parte. La gestione dell'imballo a fine vita sarà a carico del consumatore finale (ovvero del commerciante) secondo modo e termini di Legge. «Il Comune – ha concluso Ballatore - comunque sta valutando la possibilità di allestire un'area con idonea attrezzatura in grado di sbriciolare e compattare l'EPS opportunamente riconsegnato per poi avviarlo ad una fase di recupero».


Mostra commenti

ADV Bottom (desktop)

DM è il primo quotidiano
ONLINE sul mondo
della moderna distribuzione,
punto d’incontro
tra retailer e
industria di marca.

Approfondimenti, documenti e
servizi legati alle tematiche
dell'economia compatibile.

Contatta la Redazione

Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information