Logo (desktop)

logo av sito h80

SOCIAL (desktop)

Cerca

ADV testata (desktop)

Slide background
Slide background

WATEC ITALY 2016. VENEZIA, 21 – 23 SETTEMBRE 2016

TAPPA EUROPEA PER LA MOSTRA CONVEGNO SULLE TECNOLOGIE PER LA SALVAGUARDIA DELLA RISORSA IDRICA. Tre giorni di convegni, incontri e approfondimenti con aziende, esperti, accademici e decision maker sulle tecnologie impiegate per il trattamento delle acque, la tutela e la sostenibilità ambientale.

Da mercoledì 21 a venerdì 23 settembre, Venezia ospiterà l’edizione europea di WATEC Italy 2016, evento organizzato dalla società internazione Kenes Exhibitions, patrocinato dalla Commissione europea e dal New York City Environmental Protection Department e organizzato in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero, Porto di Venezia, Anbi Veneto, Sace, Italveco, IBNET, Danieli Plant Engeeniring, Boer Group, Consorzio Arica, Coldiretti Veneto, RWL Water.

Tre giorni di dibattiti sui temi legati all’acqua, una delle risorse più preziose da salvaguardare, tutelare e gestire nel migliore dei modi. Secondo l’ISTAT, infatti, le dispersioni delle reti di distribuzione dell’acqua potabile ammontano a 3,1 miliardi di metri cubi: il 37,4% dei volumi immessi in rete non raggiunge gli utenti finali, a causa di criticità di vario ordine come la perdita nelle condotte, l’obsolescenza delle infrastrutture, i consumi non autorizzati ed errori di misura. In particolare nelle Isole si ha il più elevato livello di dispersione, il 48,3%, quindi poco meno della metà dei volumi immessi in rete non raggiunge gli utenti finali. Di contro il Nord Ovest ha il livello di ripartizione più basso.

In 20 anni sono stati investiti quasi 12 miliardi di euro per circa 6000 interventi nel settore idrico, ma c’è ancora molto da fare: gli interventi avviati e non ancora conclusi risultano 885 per un valore totale finanziato pari a 2,9 miliardi di euro, mentre gli interventi non avviati risultano 888 e ammontano a un valore totale finanziato pari a 3,2 miliardi di euro.

Durante gli 8 convegni di Watec Italy 2016, 40 relatori si confronteranno sulle principali novità tecnologiche legate all'acqua, per risolvere la situazione attuale: secondo l’ISTAT servirebbero circa 65 miliardi di euro per rimettere in sesto l’infrastruttura idrica del paese, dato che rischierebbe di aumentare qualora non si intervenisse.

Tra i temi: dal trattamento alla purificazione, dalla sostenibilità all’efficienza energetica e al controllo ambientale, applicate ai diversi settori industriali, dall’agroalimentare (lattiero-caseario) al conciario, dal chimico/petrolchimico al cartario, dal tessile al galvanico, dal turistico agli allevamenti.

Watec rappresenta una piattaforma di business collaudata, già sperimentata con successo in Israele, Perù e India – per un totale di 15 edizioni - che quest’anno inaugurerà la tappa europea. “Abbiamo scelto l’Italia” - dichiara Prema Zilberman, direttore generale di Kenes Exhibitions - “in particolare Venezia, perché rappresenta un caso unico al mondo per la gestione delle acque e delle problematiche ad esso collegate; inoltre è ricca di aziende d’eccellenza che creano infrastrutture e tecnologie innovative per il trattamento idrico. E’ così che alla luce dei grandi cambiamenti climatici, dell’inquinamento, degli innumerevoli sprechi, dell’inefficienza di tecnologie obsolete riteniamo utile stimolare il dibattito e il confronto su queste tematiche, affinchè si possano condividere nuove scoperte e soluzioni tecnologiche in grado di favorire un uso più consapevole e rispettoso di una risorsa preziosa e vitale come l’acqua”.

Watec Italy 2016 si suddividerà in tre ambiti:

Ø un’area espositiva, dove aziende italiane leader del trattamento e della gestione idrica industriale e civile illustreranno le proprie tecnologie a un pubblico internazionale

Ø un’area networking & B2B, dove gli espositori potranno ampliare il proprio network a livello globale grazie a visitatori provenienti principalmente da: Australia, Cina India, Singapore, Guinea, Israele e Usa.

Ø un’area conferenze, dove le aziende espositrici parteciperanno insieme a illustri relatori provenienti da Commissione e Parlamento Europeo, Banca Mondiale, Ministero dell’Ambiente, SACE, ICE, Città di New York, e Istituti accademici di ricerca.

In particolare, nelle 8 conferenze, saranno approfondite tematiche come: 1. Trattamento delle acque reflue industriali e sistemi di distribuzione 2. Gestione delle acque reflue 3. Perdite idriche 4. Gestione Urbana e Rurale dell’Acqua 5. Gestione delle inondazioni 6. Cambiamento climatico 7. L'acqua e l'agricoltura sostenibile 8. Acqua e Finanza

Tra i relatori saranno presenti Eric Landau, responsabile per l’Ambiente dell’Ufficio del Sindaco di New York, che tratterà il tema delle municipalizzate e presenterà il più grande esempio di gestione dell’acqua pubblica, e Alessandro Danilenko, della Banca mondiale, che interverrà nel dibattito dedicato ad Acqua e Finanza.

Inoltre è a disposizione un servizio online unico nel suo genere, dal nome Chance to Meet ,che, prima dell’inizio dell’evento, permette a aziende, visitatori e esperti di scambiarsi informazioni, competenze e riferimenti in modo da organizzare gli incontri avendo già una conoscenza specifica dei propri interlocutori. Vi si accede tramite il link: http://www.watecitaly.com/networking/


Mostra commenti

Contatta la Redazione

Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information